venerdì 13 febbraio 2009

L'occhio materno della Linksys

Salve a tutti,
oggi trattiamo di videosorveglianza "fatta in casa".
Qualche tempo fa, dei simpatici signori non ben identificati hanno provato a farmi una visita non richiesta, da allora mi sono posto il problema del controllo di quanto succede in casa quando non ci sono.
Dopo qualche tentativo non riuscito (credo che aprirò presto una sezione per i tecnosfizi "abortiti") sono approdato ad una videocamera IP che funziona sia in LAN che con la connessione WiFi.
L'oggetto in questione è prodotto dalla Linksys, e consente di effettuare streaming video collegandosi direttamente a internet via router di casa, senza necessità che vi sia un PC accesso.
Lo streaming, effettuato in formato MPEG-4, è fruibile da qualsiasi client e non necessariamente, come altre, il windows media player.
La telecamerà dispone di un sistema di rilevazione di movimento ed è possibile separare l'area inquadrata "per zone", aventi sensibilità differenziata; il movimento può scatenare l'invio automatico di un filmato via mail.
Compreso nel prezzo, l'abbonamento per un anno ad un servizio di DNS dinamico che consente la visualizzazione del video erogato, collegandosi ad uno specifico sito web della Linksys.
La telecamera non ha gli infrarossi, ma si può facilmente associare ad un faretto alogeno con sensore crepuscolare e di movimento.
Devo dire che funziona bene, come tutte le cose Linksys che ho provato del resto.